Essere argine nelle maree

Sono Valentina, ho 29 anni e attualmente lavoro a Casa Scalabrini 634, a Roma, come operatrice dell’accoglienza e responsabile dello sportello socio-legale di supporto alle persone migranti.

Sono sposata con Emanuele da meno di un anno, e non tengo il conto dei sogni che ancora si trovano nel mio cassetto perché sono una frana in matematica!

Ho incontrato ASCS nel 2016 a Borgo Mezzanone, dove ho prestato volontariato ogni estate per 4 anni. Quell’incontro ha cambiato la mia vita per sempre ma, come accade per tutte le cose più importanti, non l’ho capito subito…

Quando ho scelto di partecipare al mio primo campo di volontariato ero una giovanissima studentessa di legge, con un grande senso di giustizia e voglia di cambiamento. L’incontro con quella realtà, apparentemente inospitale e ingiusta che ha distrutto tutto ciò che sapevo, ha ridato un senso e un posto alle cose e, in un certo senso, ha aiutato anche me a trovare il mio. Mi ha fatto sentire a casa, in quella terra arida bruciata dal sole, dove qualcosa tuttavia ti spinge a resistere, e a camminare ancora e ancora verso il bene.

Non potrò mai ringraziare abbastanza quel luogo, per quell’incontro che è stato scintilla nella mia vita e per tutto ciò che mi ha fatto trovare facendomi a pezzi.

Se penso a questi 8 intensissimi anni con ASCS per prima cosa penso a Fatma, e a quella notte su un traghetto che ci portava da Samos ad Atene. Penso a quella notte trascorsa fianco a fianco, ai miei occhi stanchi che tuttavia non distoglievano mai lo sguardo da lei e dalle sue due piccolissime bambine. Quella veglia, forse insensata, simboleggia per me l’intero percorso fatto lungo la rotta balcanica, in cui ci siamo messi in discussione, condannati e perdonati ogni giorno, ad ogni passo percorso per colmare la distanza insensata tra la nostra e le vite degli altri. Testimoni di storie, di vite dimenticate. Penso al privilegio di averle potute sfiorare.

Cosa auguro all’ASCS per i suoi 20 anni? Di continuare a camminare insieme alle persone che, in tutto il mondo, si muovono in cerca di un nuovo destino. Di continuare a sognare un mondo in cui ciascuno ha un posto da chiamare Casa, che sia partenza o destinazione.

Grazie al supporto dei nostri operatori, volontari e donatori in questi 20 anni abbiamo costruito molto. Anche tu puoi fare la differenza.

2024-04-09T11:18:14+02:009 Aprile 2024|
Go to Top