Wasi: sportello psicologico per donne migranti

Wasi, che in lingua quechua significa Casa, è un progetto realizzato da ASCS attivo presso le nostre sedi in Italia: a Milano è stato attuato grazie alla collaborazione con la Parrocchia di Santo Stefano Maggiore e la Chiesa del Carmine e con il contributo della CEI – Conferenza Episcopale Italiana e della Regione Lombardia; a Roma, invece, il progetto è stato realizzato con il contributo della Fondazione Haiku Lugano.

L’obiettivo con il quale nasce Wasi è quello di offrire uno spazio di ascolto, confronto e condivisione alle donne migranti al fine di aiutarle a superare i traumi derivanti dal processo migratorio. Il servizio viene offerto in maniera gratuita in spagnolo, tagalog, ucraino, portoghese e russo da psicologhe madrelingua.

Dal 22 settembre riprenderanno gli incontri online in lingua spagnola di approfondimento sulla salute e sul benessere psicologico. Per scoprire di più sulle date e le tematiche trattate consulta la locandina e condividila sui tuoi canali social.

Per la partecipazione è richiesta la preregistrazione.

Per info o registrazione +39 351 687 4011info@ascs.it

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

UNISCITI A NOI

Insieme possiamo costruire una comunità aperta ed inclusiva nella quale la diversità rappresenta una ricchezza e ciascuno può contribuire alla creazione del bene comune.

PARTECIPA
SOSTIENICI
DIVENTA VOLONTARIO