Incontri che colorano la vita!

Creare, scoprire, incontrare. Sono forse i verbi che mi caratterizzano di più e che raccontano qualcosa di me, anche se è difficile riuscire a condensare in poche righe.

Che altro? Mi chiamo Elena, ho 31 anni, lavoro in ambito museale come educatrice e project manager e vivo in un paesino in periferia di Milano.

Ma torniamo ai verbi. Amo l’arte e mi piace appunto realizzare stampe artistiche, creare. Un’altra mia passione è sicuramente scoprire cose nuove, assaggiare cibi, provare esperienze, conoscere luoghi nuovi. E sicuramente incontrare. Incontrare persone di culture diverse, ognuna con la sua storia, il suo background, la sua personalità.

Mi sono avvicinata ad ASCS proprio con questo desiderio, poter incontrare le realtà di tante persone che per un motivo o l’altro migrano, lasciando i loro paesi d’origine per seguire i propri sogni, a volte sogni di un futuro migliore.

Ho iniziato nel 2018 con il corso per volontari con l’idea di fare un’esperienza di servizio e incontro dei migranti ma senza avere bene in mente in realtà una destinazione o un’esperienza in particolare. Ricordo che il corso di preparazione volontari mi è piaciuto molto, ho incontrato tante persone che come me erano pronte a mettersi in gioco. E poi l’estate sono partita per il Campo Io Ci Sto a Borgo Mezzanone (FG).

È stata per me un’esperienza molto intensa, di legami ed amicizie create con i volontari e le persone migranti che abbiamo incontrato, ma anche di conoscenza e indignazione rispetto alle realtà che molti di loro sono costretti a subire, così come il grande lavoro che ASCS e i missionari scalabriniani fanno ogni giorno in luoghi come quello e in tante altre città.

Mi ricordo quando arrivavamo alla Pista, per la scuola d’italiano con i ragazzi che venivano principalmente dai campi lì vicino, sfruttati e stanchi dai turni di lavoro. Molto spesso la prima cosa che percepivo vedendoli entrare, nel loro sorriso, era la voglia di essere lì ad imparare l’italiano, molto più di una lingua, quasi una chiave d’accesso per la vita in Italia. Si percepiva anche la loro gratitudine per il nostro essere lì con loro, al di là dell’insegnamento. Credo che l’amicizia in fondo sia la cosa che davvero conta. L’essere presente nella vita dell’altro, essere lì per lui o lei, aiutarsi, sostenersi. Anche se è stata un’esperienza breve è stato davvero bello poter conoscere questi nuovi amici, alcuni dei quali sento tutt’ora e che stanno pian piano realizzando ciò che sognavano per il loro futuro.

Dopo quell’esperienza ho deciso di voler rimanere in ASCS come volontaria e ho iniziato a collaborare al progetto Il Mondo in Casa, un progetto che amo e al quale partecipo tutt’ora. Devo dire che ogni anno è davvero bello poter conoscere tante persone e tante culture diverse, cercare di creare con loro dei momenti in cui possano raccontare gli aspetti della loro cultura che magari anche noi non conosciamo ma che permettono a noi di viaggiare virtualmente e a loro di tornare anche un po’ con il cuore alle radici della loro identità e cultura. La cosa più bella è però che questo permette a tutti di conoscersi e superare un po’ quelle barriere che ci portiamo nel cuore, magari di paura, diffidenza verso gli altri, che in fondo ci creiamo perché non ci siamo mai incontrati davvero, non ci conosciamo. Quel sogno di creare quindi ponti, legami, vedo che ogni anno qui si realizza e anno dopo anno aggiungiamo nuovi amici, nuove comunità che si raccontano e si incontrano. Di loro porto nel cuore i sorrisi e la generosità delle persone che ci hanno aiutato, che si sono messi a disposizione durante la serata. Per me uno dei momenti più belli è sempre quando durante le serate si creano dei momenti di condivisione tutti insieme, come ad esempio lo scorso anno con gli sfrenati balli greci, che hanno portato in pista tutti! Sono occasioni e incontri che credo colorino la nostra vita e ci aiutino a vivere insieme.

Ad ASCS auguro in occasione di questi 20 anni, di spegnere ancora tantissime candeline, con sempre più amici riuniti, perché possano nascere nuovi progetti, nuove collaborazioni e nuove strade per costruire più ponti e abbattere sempre più muri!

Grazie al supporto dei nostri operatori, volontari e donatori in questi 20 anni abbiamo costruito molto. Anche tu puoi fare la differenza.

2024-05-22T08:27:30+02:0021 Maggio 2024|
Go to Top